il Maestro Alfredo Santini

Pugno AS1.jpg

La storia del maestro Alfredo Santini è lunga e articolata. Fin da piccolissimo l'amore per l'arte di lottare è uno dei suoi giochi preferiti, per questo all'inizio degli anni '60 spende le sue prime "mance" per intraprendere lo studio della lotta giapponese (ju jutsu), che pratica in modo spartano con un’esperta cintura nera. Poi il magico incontro col grande M° Hiroshi Shirai che da poco insegna a Milano e al quale, con grande riconoscenza, Santini deve la sua formazione professionale.

Il maestro Shirai è rimasto un grande esempio che A. Santini si porta nel cuore.

Nel periodo che va dalla fine degli anni 60'alla fine degli anni 70', Santini partecipa a molti stages e lezioni extra con i grandi maestri: M.Nakayama, H.Nishiyama, T.Kase, K.Enoeda. H.Kanasawa, H.Shoji, S.Miyazaky, H.Ochi, M.Sumi, M.Miura, S.Takashi, S.Asano,T.Naito e tanti altri ancora. Entra inoltre a far parte del Team di Insegnanti che preparano gli atleti ad affrontare il pas­saggio di Dan all'interno della mitica Fe.S.I.Ka. (Federazione Sportiva Italiana Karate).

Dopo alcuni anni di tirocinio come aspirante istruttore, nel 1971 fonda il T. Kase Karate Club a Cormano (MI). La decisione di fare di questa passione "la professione"arriva all'inizio degli anni '70, parallelamente allo studio del Kobudo.

Nello stesso periodo insegna anche a Sesto San Giovanni e a Milano, dove poi lascia proseguire l'insegnamento ad allievi diventati istruttori.

Santini inizia per qualche anno anche lo studio dello hatha yoga e a metà degli anni '70 diventa istruttore di 3° cat. di Body Building.

Tramite il M° Fassi conosce il M° Henry Plee (promotore delle discipline marziali in Europa), e con­segue la cintura nera di Kobudo con il M°T.Tamano. Curioso di studiare le origini di queste splen­didi Arti si avvicina anche al Chuan Fa Cinese, e con un gruppo di amici capitanati dallo stesso M° Roberto Fassi (pioniere delle Arti Marziali in Italia e grande studioso in merito) incontrano il grande M° Chang Dsu Yao. Iniziano lo studio del Tai Chi Chuan, poi, su proposta dello stesso M° Chang, lo studio dello Shaolin Chuan e di altri"stili" del Kung Fu: da qui ha inizio un profondo rap­porto con le Arti Marziali Cinesi e una stretta collaborazione col Grande Maestro.

Negli anni 80 Santini conosce anche i maestri: T. Kubota, K. Tukitzu, K. Kumai. Dall'81 all'83 introduce nelle scuole elementari la pratica del Kung Fu e del Karate come ginnasti­ca orientale. Nella seconda metà degli anni '80 consegue la qualifica di Istruttore dei Centri di Avviamento allo Sport del CONI.

Negli anni 80 la carica di D.T. Nazionale nella "2°"Fe.S.I.Ka., e, successivamente, quella di D.T. regio­ne Lombardia nella F.I.Ta.K (attuale Fijlkam). nel 1990 esce da qualsiasi organizzazione.

Nel 1991 sensibilizzato da un conoscente entra nell'USacli Lombardia, come Tecnico Regionale col compito di sviluppare e coordinare la formazione degli istruttori; presentato successivamente a Milano presso il Comitato Provinciale ne diviene coordinatore del settore Arti Marziali. Nel 2000 col nuovo assetto organizzativo provinciale USacli si struttura l'UDO (Unione Discipline Orientali) di cui il maestro Santini è un grande sostenitore insieme la se­greteria milanese.

Sempre nell' USAacli dal 2001 al 2013 è stato coordinatore Nazio­nale Kung fu Chang, inoltre nominato coordinatore "Arti Mar­ziali - Discipline Orientali" Regione Lombardia, nel 2008 viene incaricato dal Nazionale USacli a fondare insieme ad altri mae­stri, il C.A.M.D.O, (Coordinamento Arti Marziali & Discipline Orientali) per collaborare allo sviluppo qualitativo delle Arti Marziali & Discipline Orientali a livello Nazionale. Membro del C.A.M.D.O. fino al 2013 anno in cui per ideali diversi, dopo una profonda riflessione sceglie di cambiare.

Santini_02.png
Santini_03.png

Nel 2013 sceglie di aderire al "A.C.S.I." Ente Di Promozione Spor­tiva riconosciuto dal C.O.N.I. nel quale sembra aver incontrato (oltre che a vecchi amici) le persone giuste per poter sviluppare progetti che promuovono le "Arti Marziali & Discipline Orientali " come attività sportive educative e culturali, atte a sviluppare e migliorare le doti fisiche e morali delle persone di qualsiasi età, sesso ed etnia.

PROMOTORE e sostenitore dell'importanza della "area Teorico/Scientifica" oltre di quella "Tecnico/specifica" per la formazione e l'aggiornamento degli Insegnanti Tecnici in tutte le discipline e a qualsiasi livello.

COORDINATORE ai corsi di formazione e di aggiornamento per Insegnanti Tecnici dell'area (Teo/Sci) Teorica Scientifica.

IDEATORE e coordinatore di un Convegno Nazionale il 20/21 maggio 2006 presso teatro S. Fedele Milano, promosso dal Comita­to Usacli provinciale di Milano "Unione Discipline Orientali" dal titolo "il mistero della percezio­ne del corpo, incontro tra oriente ed occidente" sul tema: medicina, sport, cultura e interreligiosità.

IDEATORE e coordinatore di un Convegno Nazionale il 08 aprile 2018 presso Teatro BI di Cormano Milano proposto da ACSI Regionale Lombardia Settore “ARTI MARZIALI ACSI BUDO” dal titolo “il mistero della percezione del corpo: “incontro tra culture diverse” sul tema: filosofia - sport – salute - integrazione – violenza.

DOCENTE ai corsi di formazione e di aggiornamento dell'area (Tec/Spe ) Tecnica Specifica per Insegnanti Tecnici di: Karaté Shotokan - Kobudo e di Kung Fu Chang, sia per lo Shaolin Chuan che per il Tai Chi Chuan.

Esperienza agonistica nel Karate: Inizia col partecipare al Campionato Italiano di Karaté nel '68, poi il servizio militare (paracadutista scelto), dove diffonde il karaté a Bari, Pisa e Livorno. Quindi diverse gare tra le quali: Coppa Shotokan, Coppa città di Milano e nel '73 il successo al Campiona­to Italiano Karaté a squadre. Poi la carriera arbitrale.

Esperienza agonistica nel Kung Fu: il Campionato Mondiale 1980 in America (unico Italiano im­battuto), il successo al Campionato Italiano individuali nel 1982 a Venezia.

ARBITRO Nazionale di Karate fin dal 1976, diventa nel 1983 anche arbitro Nazionale di kung fu, e dal 1992 al 2013 responsabile degli arbitri di kung fu US.Acli.

AUTORE di Programmi didattici per il Karate da zero a cintura nera 5° dan, in particolare della creazione di: Kihon Dosa Gerì, Bunkai dei kata Shotokan, una visione diversa dei Kata di base “Taikyoku”, delle formule didattiche di kumite progres­sive contro uno o più avversari, e inoltre dell'introduzione nel karate Shotokan all'uso degli attrez­zi tradizionali (armi): Bo, Tonfa, Kama, Nunchaku, Sai, protocollando relativi kata e kumite di base. Autore anche di Organigrammi e di Regolamenti, tra cui quello Arbitrale di Kung Fu, ed un regolamento arbitrale diverso nel Karate.

Coreografo e organizzatore di manifestazioni ed eventi interprovinciali e nazionali, tra cui da moltissimi anni la festa " Festa delle Discipline Orientali/Arti Marziali " presso il Centro Sportivo Comu­nale di Cormano alle porte di Milano, il sabato antecedente il Natale. Dal 8 gennaio 2011 presso il Palasport di via Turati a Cormano col patrocinio del comune stesso, dal 2014 questa festa avviene sempre all’ultimo sabato di gennaio e durante questo evento viene assegnato il Trofeo Roberto Fassi ad una persona meritevole per la diffusione di queste discipline

Inoltre ha aderito a diversi progetti/iniziative socialmente utili.

 

CONSULENTE TECNICO per programmi di Arti Marziali

 

INSEGNANTE e D.T. della Scuola Arti Marziali Milano a.s.d.

DUE SOGNI : - 1° riuscire a stimolare le istituzioni a Milano per una grande manifestazione (dimostra­zioni) di queste discipline (autentiche), dando voce e visibilità a tutte quelle praticate con grande serietà e contenuti. - 2° realizzare una struttura (Tempio) in cui si possa insegnare e trsmettere anche alle generazioni future i valori di queste discipline in modo integro, incontaminato.

GRADI/QUALIFICHE KARATÉ

Dal 1968 aiuta ad insegnare

Nel 1969 la cintura nera 1° Dan J.K.A.

Nel 1969 Aspirante Istruttore

Nel 1971 il 2° Dan

Nel 1972 il 2° Dan J.K.A.

Nel 1972 Istruttore Federale

Nel 1974 il 3° Dan

Nel 1975 Maestro A.I.KA. Accademia Italiana Karaté

Nel 1976 il 3° Dan J.K.A.nel 1976 Arbitro Nazionale di Karaté

Nel 1978 il 4° Dan F.I.K.e D.A

Nel 1982 il 5° Dan Fe.S.I.Ka

Nel 1992 il 6° Dan Us.Acli

Nel 2011 riconoscimento di 8° Dan Us.Acli

N.B. fino a 6° Dan sono stati TUTTI conseguiti anche con prova pratica

Santini_04.png

QUALIFICHE EXTRA

Nel 1975 Istruttore di Body Building 3° categoria

Nel 1977 la cintura nera 1° Dan Kobudo

Nel 1987 Istruttore Centri CONI di Avviamento allo Sport

Nel 2011 Maestro BenemeritoUTTI rilasciati dal grande M° Chang Dsu Yao

GRADI/QUALIFICHE KUNG FU

 

nel 1980

1° Chieh di Shaolin Chuan 1° Chieh di Tai Chi Chuan

 

nel 1983

2° Chieh di Shaolin Chuan 2° Chieh di Tai Chi Chuan

 

nel 1983

Istruttore di Kung Fu Shaolin/Tai Chi Chuan Arbitro Nazionale di Kung Fu

 

nel 1986

3° Chieh di Shaolin Chuan 3° Chieh di Tai Chi Chuan

 

nel 1987

4° Chieh di Shaolin Chuan 4° Chieh di Tai Chi Chuan

 

nel 1989

5° Chieh di Shaolin Chuan 5° Chieh di Tai Chi Chuan

 

nel 1989

Maestro di Kung Fu Shaolin/Tai Chi Chuan

 

nell' ottobre 1991

6° Chieh di Tai Chi Chuan

 

nel gennaio 1992

6° Chieh di Shaolin Chuan

 

nel 2011 riconoscimento di:

9° Chieh di Shaolin Chuan 9° Chieh di Tai Chi Chuan

 

N.B. I gradi e qualifiche -

fino al 6° Chieh di Shaolin Chuan -

sono stati TUTTI rilasciati dal grande M° Chang Dsu Yao